Comunicare la ricerca: tra agguati e buone pratiche

4 ottobre 2018 – ore 10.30
Venezia, Università Ca’ Foscari – Dorsoduro 3246, Aula Baratto

Tutti i cittadini partecipano all’investimento in ricerca. Ma quanti sono poi coinvolti da chi fa ricerca? L’incontro tra protagonisti di questo dialogo, tra cui Commissione europea e giornalisti, esplorerà cos’è la comunicazione nei e dei progetti di ricerca.

Programma

ore 10.30 -13.00
Convegno
“Progetti di ricerca: quando la comunicazione fa la differenza”

Intervengono
Massimo Gaudina, capo rappresentanza della Commissione Europea a Milano

Rossella Paino, comunicatrice, DG Research and Innovation, Commissione Europea

Federico Pedrocchi, giornalista scientifico

Daniela Ovadia, giornalista scientifica

Conclusioni
Dario Pellizzon, dirigente Area Ricerca, Università Ca’ Foscari Venezia

Modera
Enrico Costa, Ufficio Comunicazione Università Ca’ Foscari Venezia e socio AICUN

_____

ore 14.00
Workshop
“Comunicare la ricerca: tra agguati e buone pratiche”

saluti istituzionali
Andrea Paolo Ciani, presidente AICUN
interviene Federico Pedrocchi, giornalista scientifico

ore 16.00
Science Gallery: connettere, partecipare, sorprendere
Erica Villa, responsabile comunicazione ed engagement, Science Gallery Venice

ore 16.30
Futuro Remoto: oltre il festival, un hub per la comunicazione scientifica
Luigi Amodio, Direttore del Science Centre di Città della Scienza, Napoli

Coordina:
Paola Scioli, vice presidente AICUN

___________

I relatori:

Massimo Gaudina è capo della rappresentanza della Commissione europea a Milano. E’ stato per otto anni capo dell’unità Comunicazione presso il Consiglio europeo della ricerca (ERC) a Bruxelles. Tra il 2007 e il 2009 ha lavorato presso la direzione generale della Comunicazione della Commissione, e prima ancora, tra il 2004 e il 2007, ha lavorato alla rappresentanza della Commissione a Roma e, tra le mansioni svolte, ha organizzato le celebrazioni per il 50mo anniversario dei trattati di Roma.

Rossella Paino, laureata in Scienze della Comunicazione nel 2007, Dottore di Ricerca e Doctor Europeaus in Scienza Politica nel 2013, inizia la sua carriera come ricercatrice in Sociologia della Comunicazione e successivamente in Scienza Politica. Dal 2007 al 2013 collabora con la cattedre di Sociologia della Comunicazione e Scienza Politica presso le Università di Catania e Messina. E’ visiting researcher presso la Vrjie Universiteit di Bruxelles nel 2011 e visiting Professor presso la An Najah University di Nablus nei Territori Palestinesi Occupati nel 2011-2012. Dal 2014 è communication officer presso la DG Ricerca e Innovazione della Commissione Europea e ambasciatrice del nuovo Programma Programma di finanziamenti per la Ricerca e Innovazione Orizzonte Europa.

Daniela Ovadia è giornalista scientifica ed eticista. Ha studiato Medicina e Neuroscienze cognitive. Divide il suo tempo tra l’attività giornalistica (principalmente con “Focus”, “Le Scienze”, “Mente & cervello” e l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro) e la condirezione del laboratorio Neuroscienze e società dell’Università degli Studi di Pavia, dove svolge attività di ricerca nell’ambito dell’etica medica. Insegna Neuroetica all’Università degli Studi di Paviae Tecniche di progettazione europea per la comunicazione scientifica al master sgp della Sapienza Università di Roma.

Federico Pedrocchi opera nel campo del giornalismo scientifico dal 1980. Fa parte della struttura di coordinamento dei progetti europei Nanochannels e Nanopinion, dedicati alla comunicazione delle nanotecnologie sia presso il largo pubblico che presso settori mirati di decisori e stakeholders. Dirige le attività editoriali di Triwù, web tv dedicata all’innovazione. E’ coordinatore del progetto CREW, dedicato alla attivazione di una progettazione partecipata delle tecnologie robotiche per la disabilità e la riabilitazione assistita (progetto Tecnologie Abilitanti di Fondazione Cariplo). Insegna New media al Master in Comunicazione Scientifica e Innovazione dell’Università Milano Bicocca. Ha svolto attività di consulenza per la Commissione Europea in merito alle prassi formative per migliorare il rapporto fra media e ricerca scientifica.

Erica Villa è responsabile comunicazione ed engagement di Science Gallery Venice e responsabile comunicazione di Fondazione Università Ca’ Foscari Venezia. Laureata in Biologia, ha ottenuto un Master in Comunicazione della scienza alla Sissa di Trieste. È stata mediatrice culturale per il progetto UNESCO “La Navigazione del Sapere” a Villefranche-sur-mer, e dopo il Master ha lavorato al Pensiero Scientifico Editore per il lancio della versione italiana di Yahoo!Health e all’ufficio stampa e comunicazione di enti nazionali di sanità pubblica quali l’Istituto Superiore di Sanità e il Centro Nazionale Trapianti.

Luigi Amodio (Napoli, 1962) è direttore del primo museo scientifico interattivo in Italia, il Science Centre di Città della Scienza. Allievo di Alberto Abruzzese e Giovanni Bechelloni, ha studiato, e vissuto, le trasformazioni dei media in Italia e ha provato a portare nella comunicazione scientifica molto della sua cultura sociologica. Oltre a insegnare in master in varie università italiane tra cui Roma 3 e Bicocca, è membro eletto del board di ECSITE, la rete europea dei musei scientifici; del Kuratorium del Deutsches Museum di Monaco, tra i principali musei scientifici al mondo, e fa parte del coordinamento campano dell’ICOM, il consiglio mondiale dei musei. È stato docente di Comunicazione museale e di Sociologia all’Università di Napoli “Federico II”. Negli ultimi anni si occupa soprattutto del rapporto tra scienza e società e della partecipazione dei cittadini alla scienza e alla tecnologia.

___________

 

L’iniziativa si inserisce nel programma di “Racconta la tua ricerca: research communication week 2018” promosso dall’Università Ca’Foscari dal 27 settembre al 4 ottobre 2018.
Programma research communication Week
http://www.unive.it/pag/26799/

___________

Scarica il programma della giornata (in .pdf)

Scarica la scheda di iscrizione (in .pdf)

Iscrizioni

La partecipazione alla giornata è gratuita per i soci Aicun in regola con il pagamento della quota
associativa 2018.
Per i non soci la quota di partecipazione alla sessione pomeridiana è fissata in euro 250 (+ iva
 se dovuta).

La partecipazione alla Research Communication Week 2018 è gratuita per i soci AICUN.

Modulo di iscrizione e copia del bonifico attestante il pagamento – se dovuto – dovranno essere inviati a: infoaicun@gmail.com entro il 24 settembre 2018.